Un nuovo tipo di gara in bicicletta

Che cos’è:
Una gara gravel con 4 tappe cronometrate, una festa con della buona musica dal vivo, una mostra d’arte e la celebrazione della costruzione di telai.
Cosa abbiamo fatto:
Insieme all’azienda organizzatrice principale, Giro, abbiamo collaborato con Focal Events, Sram e The Bicycle Academy per portare 200 corridori su un’isoletta al largo della costa occidentale della Scozia. Questi corridori hanno dovuto affrontare un percorso di 96,5 chilometri nel sud dell’isola che si snodava su tutti i sentieri tagliafuoco e il terreno boschivo che Arran poteva offrire. Abbiamo scelto delle selle personalizzate come premio per i vincitori e delle borracce Gripper personalizzate da dare a tutti i partecipanti.
Cosa abbiamo lanciato:
Mentre eravamo sull’isola abbiamo invitato la stampa e lanciato Accubar, la borraccia Gripper, Picobar e Lumacell. Infine, dopo la corsa su strada nel nord dell’isola, ci siamo fermati alla distilleria Isle of Arran!
Cos’è successo:
Il venerdì prima dell’evento, i corridori/festaioli sono arrivati al porto di Ardrossan dove hanno preso uno dei traghetti per l’isola di Arran, una traversata di poco più di un’ora. La traversata stessa è un’esperienza stupenda: si può ammirare l’isola di Arran che emerge lentamente dalla nebbia, un po’ come arrivare sull’isola del Teschio del celebre film King Kong per la prima volta. Il porto dal villaggio della gara era separato da un breve tratto da percorrere in bus/bici dove li attendeva un suonatore di cornamusa e della birra.

Il sabato era il giorno della gara e i corridori sono partiti accompagnati dal suono della cornamusa, ma pioveva davvero a catinelle. Malgrado il maltempo, i ciclisti sono tornati per la pausa pranzo completamente coperti di fango ma stranamente ancora sorridenti. Il chiosco Sram ha lavorato senza sosta per sostituire le pastiglie delle bici e tantissimi ciclisti hanno dovuto lavare via la mota dai freni. L’evento Lamlash Heather Queen ha fermato la gara a pranzo, ma dopo i ciclisti ancora bagnati si sono avviati alle 2 tappe finali.
Per fortuna tutti stavano ancora sorridendo alla fine della gara ed erano pronti per una bella birra, della buona cucina, musica dal vivo e per festeggiare.

– Neil Cousins: Direttore Team Fabric ed eventi